Viaggio in Zambia agosto 2012 PDF Stampa E-mail
Scritto da Marina   
Giovedì 08 Novembre 2012 08:48


Adozioni e Casa Famiglia

Abbiamo incontrato parecchi ragazzi seguiti da Sr.Monica, sr.Letizia e Sr.Beatrice: ho informazioni aggiornate a quest’anno praticamente su tutti o quasi.  Per le adozioni di Sr.Ilaria, abbiamo incontrato quasi tutti i bambini di Kantolomba, parecchi di Ndola e Luanshya, una ragazzina di Lusaka. Non sono potuta passare a Liteta perché i ragazzi non erano stati avvertiti.

Sr. Ilaria ha fatto comunque del suo meglio, tenuto presente che contemporaneamente a noi c’era il gruppo di Genova e quello di S.Marino. Ha promesso che mi manderà le foto e notizie mancanti prima di Natale. Molti sponsor hanno smesso di pagare, ma se ne sono aggiunti di nuovi. Attualmente abbiamo circa 100 adozioni dirette.

Ho incontrato anche Francis Chanda, il ragazzo che sta facendo il corso di agraria e acquacultura (è al terzo anno e sta preparando la tesi) ed ho parlato al telefono con Raymond Zulu che sta facendo medicina.

Siamo andati all’orfanotrofio di St.Anthony (casa famiglia) e alla casa di passaggio di Thuapya (dove Elsa ha fotografato Lazarus e Shadreck). Ho potuto incontrare Sr.Lucia, che attualmente ha la responsabilità dell’orfanotrofio  e discutere a proposito della sezione dei bambini con disabilità fisico/psichiche gravi (circa 25 attualmente).

Dall’inizio di quest’anno una suora fisioterapista di Kitwe va due volte a settimana all’orfanotrofio per far fare attività ai disabili e per insegnare alle assistenti come muoverli o farli muovere. E’ poco proponibile l’assunzione di una fisioterapista a contratto: hanno cercato, ma nessuno accetta un incarico ritenuto poco sicuro e provvisorio. La soluzione migliore sarebbe prevedere la presenza, a periodi, di fisioterapisti/e esperte volontarie che vadano ad istruire e motivare il personale di assistenza..

 

Centro Nutrizionale Chililabombwe

Nell’email inviata dallo Zambia ho già raccontato la maggior parte delle notizie a proposito del centro nutrizionale.

Posso aggiungere che ai primi di settembre Sr.Beatrice ha inviato per email il B.O.Q. (cioè il computo metrico e relativo preventivo di una ditta) dei lavori per la casa del custode nel nuovo Centro Nutrizionale.

 

Centro Nutrizionale Mazzieri

Abbiamo visitato il C.N. Mazzieri: il registro dei bambini che mangiano non era aggiornato. Questo dovrebbe essere un compito della cuoca Rosemary; Sr.Dorothy ha promesso di sollecitarla al proposito.

 

Progetto YOLA-YOLI (Farm Fisenge)

Abbiamo incontrato gli operai alla farm e dato loro il prospetto di Alfio per i nuovi report.

Hanno richiesto la sostituzione di alcune parti di macchinari logorate dall’uso.

Attualmente tutta la materia prima e tutto lo yolayoli prodotto vengono conservati a Dagama e non a Fisenge: Sr. Ilaria ha deciso in questo modo per evitare furti e mancanze. Francis porta (credo una volta a settimana) lo yolayoli a Dagama e torna a prenderlo lì per l’utilizzo nei Centri Nutrizionali.

Erano rimasti, al 23 agosto scorso, 6.5 Kg.di PREMIX.

E’ ancora aperto il problema contratto e salario. E’ necessario che il gruppo di volontari che andrà in Zambia ad ottobre porti un contratto, da discutere e poi firmare. Questo contratto dovrà prevedere la quantificazione delle indennità per casa, acqua ed elettricità (che Zimba e Dan hanno gratis), nonché la specifica che si tratta di un lavoro su tre giorni settimanali; l’eventuale fornitura di tute (ne hanno chieste di nuove) e la possibilità di ottenere prestiti. Ovviamente anche a loro spettano annualmente le gratuities, pari a due mesi di stipendio.

 

Progetto GRAND

Nurses: le infermiere hanno deciso di non proseguire nel lavoro, perchè con il contratto attuale non guadagnano abbastanza. Da gennaio ricevono una indennità giornaliera di 50.000 K, pari ad uno stipendio mensile di un milione di K.

Il loro lavoro è terminato alla fine di agosto. A settembre (ad eccezione di una settimana) sono disponibili ad istruire le infermiere dell’ospedale che dovrebbero subentrare nel lavoro.

 

Ospedale di St.Theresa: abbiamo incontrato Sr.Nelly, la nuova ‘sister in charge’ dell’ospedale che ha detto di essere favorevole al progetto. Abbiamo letto insieme le clausole della proposta di contratto.

Il numero dei C.N. da visitare è modificato rispetto la proposta di gennaio; attualmente sono 8: St.Max,  Mazzieri, Fisenge,  Dagama,  Kawama, Walale, Chibote,  Buntungwa.

Il C.N. di Kitwe non è più visitato dalle infermiere da febbraio. L’anno scorso Sr.Veronica Zulu mi aveva detto che non è più seguito dalle suore francescane, ma dalla parrocchia: non sono riuscita ad avere maggiori informazioni, comunque non lo finanziamo più dallo scorso anno perché è stato impossibile contattare una persona di riferimento.

Il C.N.di Chililabombwe ha possibilità di utilizzare yolayoli attraverso Sr.Beatrice (vedi foto del bimbo sottopeso).

Per quanto riguarda il C.N. di St.Mary ho preso contatti con Sr.Rosaria (anche lei infermiera): si metterà d’accordo con Sr.Ilaria su come passare a prendere l’integratore a Ndola. E’ opportuno inviare quanto prima a S.Ilaria, per S.Rosaria, tutte le indicazioni sulla distribuzione e soprattutto sui report.

I punti del contratto discussi sono:

- le infermiere dell’ospedale non potranno essere solo quelle della pediatria perché sono troppo poche, comunque la rotazione dovrebbe avvenire a gruppi, che cambiano ogni 3 o 6 mesi;

- referente e amministratore del progetto sarà la comunità di suore di St.Theresa (nella persona di Sr.Dorothy) che svolgerà tutte le incombenze di indirizzo e supervisione;

-Sr. Nelly, come ‘sister in charge’ dell’ospedale firmerà per approvazione;

- dovranno essere modificate le modalità attualmente utilizzate di reperimento dei bambini, seguendo alla lettera quanto espresso nella proposta all’ospedale;

-predisporre un elenco delle infermiere interessate;

- predisporre un workshop per le nuove infermiere (quelle interessate a lavorare con noi);

- predisporre, se opportuno, un affiancamento delle nuove infermiere alle vecchie durante le visite nei centri nutrizionali di Chibote e Mazzieri.

- Sr. Nelly ha dichiarato che avrebbe chiesto alle infermiere dell’ospedale la loro disponibilità. Ci ha fatto sapere per email di aver potuto parlare solo con alcune, che i primi di settembre si sono recate nei due centri nutrizionali, in compresenza con Gertrude e Pauline.

 

Francis (autista): ha detto di essere soddisfatto del lavoro. Sa che il salario di un autista (indicato dall’attuale governo) è più alto ora, ma è anche consapevole che lavora non più di 4/5 ore al giorno invece che 8. Nei mesi scorsi si era preoccupato, e si era informato per prendere la patente dei tir, perché temeva che il nostro progetto finisse.

Ad ottobre sarebbe opportuno portare in Zambia anche il nuovo contratto per Francis, nel momento in cui sia chiarito come funziona l’accordo con l’ospedale.

Ultimo aggiornamento Venerdì 21 Novembre 2014 19:51
 

Destina il 5 X 1000 a Liberato Zambia 2001! Il codice fiscale dell'Associazione è 02061170425.

Centri Nutrizionali

Interviste TV - Rai3 BGR

Interviste - èTVmarche

Collaboriamo con...

caritasenzaconfini.jpg

Geo-politica

zambia_small2.png

Zambia live!



Archivio Storico


Powered by Joomla!. Designed by: Mobile Template  Valid XHTML and CSS.